Casello di Pietrapennata

Disponibilita Camere

Camere

Non ci sono camere disponibili

Informazioni Generali

Descrizione

La struttura è costituita da un unico corpo a pianta rettangolare realizzato in muratura ordinaria che si eleva su un  livello; la copertura, a doppia falda, è rivestita con tegole, mentre la finitura delle pareti esterne è realizzata con intonaco civile di colore bianco e presenta alla base uno zoccolo in pietra. L’edificio, costituito da 4 vani abitabili è collocato all’interno di un’area recintata dotata di acqua potabile e di attrezzature ricettive, su cui insiste inoltre una modesta costruzione adibita a deposito per gli attrezzi utilizzati per la cura del frutteto e degli orti inseriti nella stessa. L’ambiente circostante è caratterizzato da boschi di Pino laricio.

Accesso

Lasciare la SS 106 a Palizzi Marina e salire fino a Palizzi, con lo spettacolo offerto dall’omonima fiumara. Giunti al centro abitato, percorrere sempre la strada principale che prima attraversa e poi aggira il paese consentendone l’uscita dallo stesso. Il panorama di Palizzi, visto da diverse angolazioni ed in tutto il suo splendore è di quelli che lascia esterrefatti. Seguendo le indicazioni per Pietrapennata, che si raggiunge dopo circa 5 Km, nell’immediata periferia del centro abitato, si nota una strada sulla sinistra, asfaltata fino al primo bivio al quale bisogna girare a destra imboccando una strada in cemento. Proseguendo in questa direzione e guadagnando quota, raggiungendo la cima del monte sulla sinistra si incontra il Casello. Da qui si gode un panorama unico su Staiti.

Altitudine

687 m

Fonte

Guida Caselli Forestali della Provincia di Reggio Calabria

a cura di Alfonso Picone Chiodo
CAI Sezione Aspromonte Reggio Calabria – AFOR Calabria

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Check-in

Flessibile

Check-out

Flessibile

Attivita

POSSIBILITÀ DI CUCINARE ALL’ESTERNO: SI
RECINZIONE: SI
CAMINETTO: SI
ACQUA ALL’ESTERNO: SI

Palizzi

Palizzi

La SS 106 immette a Palizzi Marina, un antico approdo che l’erudito calabrese Gerolamo Marafioti definì, alla fine del XVI secolo, “comodissimo alli vasselli del mare”.

Porto Palizze, così era chiamata questa baia tra Sette e Ottocento, non a caso conserva un lungomare che sebbene piccolissimo, è l’unico ad avere vita marinara anche d’inverno. Dell’attracco costiero non vi è più traccia, fatta eccezione per una torre di avvistamento, del 1595, detta Torre Mozza, per via dello squassamento delle parti superiori della struttura, di cui rimane un unico angolare, impostato su una base rettangolare. Il paese è diviso dalla fiumara in due contrade: Murrotto e Stracia, chiaramente allusive a testimonianze del passato. Da entrambi i quartieri si partono due strade che conducono rispettivamente alle frazioni di Palizzi Superiore e Pietrapennata, attraverso una percorso costellato dai più pregiati vigneti dell’Area Grecanica.

Ma il cuore pulsante del comune di Palizzi è il centro storico posto più in alto, a circa 272 m s.l.m. rispetto alla frazione Marina.

IL NOME

Deriva secondo alcuni dal greco politsion con senso diminutivo di polis (città), secondo altri dal greco polìscin, che  pare significhi “luogo ombroso”.

FRAZIONI E LOCALITÀ 

Palizzi Marina, Palizzi Superiore, Pietrapennata, Spropoli; Contrada Iermanata, Contrada Gruda, Case Sparse.

LA STORIA

Palizzi raggruppa tutti gli elementi dei borghi delle favole: un castello posto su una rupe, un borgo medievale ai suoi piedi e un ponte a sella d’asino che fin dal Trecento sovrasta un corso d’acqua. Documentato per la prima volta nella metà dell’XI secolo, tra i beni del monastero di Sant’Angelo di Valle Tuccio, Palizzi figura, alla fine del secolo successivo, tra i casali della contea di Bova. Nel 1322 il feudo fu venduto da Bartolomeo Busca a Guglielmo Ruffo di Calabria, conte di Sinopoli, possidente di un vasto tenimento che comprendeva gran parte della Calabria Meridionale. Alla sua morte, il nipote Antonello dovette spartire il baronato con lo zio Folco, generando così il ramo dei Ruffo di Palizzi-Brancaleone, sopravvissuto per quattro generazioni, non senza bruschi intervalli, determinati dai contrasti dinastici tra Angiò e Aragona. Nel 1479 Palizzi era in mano a Bernardino Maldà de Cadorna ma già nel 1498 tornò ai Ruffo, a cui si devono i lavori sul fianco nord orientale del castello, dove evidenti sono i segni delle novità architettoniche, importante nel Regno di Napoli da Francesco Giorgio Martini e Bernardo Rossellino. Il matrimonio di Geronima Ruffo e Alfonso de Ayerbo d’Aragona nel 1505, inaugurò una ripetuta serie di avvicendamenti dinastici che videro il baronato passare prima a Troiano Spinelli, poi di nuovo agli Ayerbo d’Argona e quindi nel 1580 ai Romano di Messina. Spetta a Giacomo Colonna Romano l’inserimento dello stemma araldico che campeggia all’ingresso del castello, posto forse al termine di una campagna di restauri. Proprietà degli Arduino di Messina dal 1666, la terra di Palizzi fu venduta nel 1751 ai De Blasio, i quali la mantennero fino al 1806, apportando notevoli ristrutturazioni al castello, che in parte definiscono l’aspetto attuale. L’imponente edificio sovrasta un borgo colmo di atmosfere medievali. Vicoli strettissimi e infinite gradinate conducono alla piazza principale dove si affaccia la Chiesa di Sant’Anna.

SCOPRIRE IL CENTRO STORICO E LA CITTADINA 

Immerso in una superba natura, il borgo è abbarbicato ad una rupe d’arenaria ai piedi dell’imponente castello. Il paese affascina subito il visitatore per il suo centro medievale unico: “palazziate e solarate” di fantasiose soluzioni architettoniche, catoi, sottopassaggi, scalette e tetti di ceramide (tegole ricurve) danno la visione di un paesaggio naturale quasi incontaminato.

La passeggiata parte dal ponte dello “schiccio”, sotto il quale scorrono le acque della fiumara di Palizzi, dal quale può scorgersi un antico mulino.

Arrivati al centro del paese, si può visitare la chiesa parrocchiale di Sant’Anna che custodisce al suo interno un interessante corpus di statue di santi e madonne, tra cui la scultura lignea della santa titolare, commissionata nel 1827 dall’ultimo barone di Palizzi, Tiberio De Blasio.

In fondo all’abside si staglia la statua in marmo di Sant’Anna e la Madonna, tra le prime opere a tutto tondo sopraggiunte nella diocesi di Bova, entro lo scadere della seconda metà del Cinquecento. Dello stesso periodo, ma di matrice artistica diversa, è la cupola che si innesta nella navata sinistra, testimonianza della persistenza architettonica bizantina, chiaramente percettibile all’esterno nell’uso del coccio per alleggerire la struttura. In questa parrocchia, il vescovo Stavriano, istituì (1574) la prima comunia latina della diocesi, alla quale devolvette tutte le proprietà delle chiese di Palizzi. Vi potevano entrare a far parte solo chierici latini. I greci, così esclusi e ridotti in miseria, sopravvissero dedicandosi all’agricoltura e alla pastorizia. Morirono lasciando eredi che mai si sognarono di succedere al ministero dei genitori, irrimediabilmente sconfitti dagli eventi.

Attraverso i vicoletti caratterizzati da particolari soluzioni architettoniche antisismiche, si giunge al castello d’età medievale, riconosciuto monumento nazionale dal Ministero ai Beni culturali.

Di recente edificazione la frazione marina che si estende sulla magnifica costa meta nidificatoria delle Tartarughe Marine Caretta Caretta. Palizzi, infatti, è comune capofila del progetto Life Caretta Calabria che si inserisce a partire dal 2013 nel programma Life della DG Ambiente della Commissione Europea.

PALIZZI IGT

Il territorio di Palizzi si distingue per l’abbondanza delle viti; vi si produce un ottimo vino rosso riconosciuto dal marchio IGT, che si può gustare nei caratteristici catoi della cittadina, denominata per l’appunto “città del vino”.

Conosciuto e apprezzato in tutta la zona  Palizzi è un rosso generoso, ottimo con gli arrosti, con pietanze tradizionali ed elaborate a base di sughi e carni di capra e di maiale, stufati, cacciagione, formaggi ben stagionati.


Continua a leggere

Mappa